25anhrhkxke331rbb6wzamhxnbbb5d.html

Recuperare i carrelli abbandonati è ormai diventata la sfida di chiunque gestisca un sito e-commerce. Una ricerca condotta da Compass nel 2016 (Ecommerce Checkout Abandonment Rate) ha verificato che circa 2/3 degli utenti che visitano un sito online e depositano nel carrello determinati articoli, lasciano il sito ancor prima della procedura di pagamento.

In base a questa ricerca quindi, probabilmente anche il tuo e-commerce viene colpito da questo brutto fenomeno. Hai notato anche tu che spesso il fatturato registrato dal tuo shop online è stranamente superiore rispetto a quello effettivo?

A differenza delle soluzioni fornite dai più comuni plugin come Magento, Prestashop, Woocommerce e tanti altri, grazie al nostro sistema di e-commerce tracking potrai recuperare in modo automatico fino al 10% dei carrelli abbandonati dagli utenti nel tuo shop online, CREANDONE UNA VERA E PROPRIA PROFILAZIONE!

Carrelli abbandonati? Perché?

È un processo naturale quello che porta alcuni utenti del negozio online a vedere articoli, inserirli nel carrello, compilare tutte le informazioni necessarie per l’acquisto… e poi improvvisamente abbandonare la navigazione senza completare la transazione.

Tecnicamente, questo passaggio viene definito “carrello abbandonato”, proprio perché il potenziale cliente è come se abbandonasse fisicamente la propria spesa in mezzo alla corsia del supermercato.

Ma perché ad esempio Marco è entrato nel mio sito e-commerce, ha inserito i prodotti nel carrello, ma poi non ha acquistato? Le cause possono essere molteplici:

  • Opzioni di pagamento che non prevedono la modalità preferita dall’utente
  • Spese di spedizione spesso troppo elevate o non specificate fino al momento dell’acquisto
  • Mancanza disicurezza nelle transazioni e delle possibilità di restituzione, portando l’utente a non fidarsi dello store
  • Obbligo di creare un account e quindi perdita di tempo nell’acquisto
  • Checkout farraginoso, poco chiaro e che richiede troppi passaggi
  • Navigazione lenta, cattivo design e mal funzionamento del sistema che allontanano l’utente

Capire l’origine del problema è fondamentale per creare una strategia di recupero mirata ed efficace!

Recupera i carrelli abbandonati con l’e-commerce tracking

Con il nostro sistema di e-commerce tracking puoi distinguere le transazioni andate a buon fine da quelle non ancora completate e da quelle con pagamento fallito. Non dovrai impazzire per cercare di far combaciare il tuo fatturato reale con quello on-line!

Grazie al nostro aiuto puoi identificare tutti i carrelli che una persona apre, anche da dispositivi differenti (PC, tablet, smartphone, ecc..) ed anche in assenza di login!

shop_online_signorelli&partnersSpesso capita che un cliente inizi nello stesso arco di tempo diversi carrelli, senza completarne nemmeno uno, dal PC di casa, dal notebook dell’ufficio, dallo smartphone mentre è sui mezzi pubblici, e così via. In questo caso potrai stabilire l’invio di una email reminder del carrello più recente ed evitare un eccesso di disturbo dell’utente.

Decidi le finestre temporali (24h, 1 giorno, 4 giorni dopo l’abbandono, ecc…) e l’invio di uno o più reminder a distanza di tempo… in modo del tutto automatizzato!

 

 

Come si comportano i più comuni plugin

  • Magento: Permette di individuare i carrelli abbandonati ed inviare dei promemoria di massa, personalizzando i template e generando coupon per incoraggiare i visitatori a tornare sullo store.
  • PrestaShop: Fornisce diversi moduli a pagamento che sollecitano automaticamente i clienti che non hanno portato a termine gli acquisti.
  • Woocommerce: Imposta il tempo necessario perché il carrello venga considerato abbandonato, personalizza il mittente, l’oggetto e il contenuto dell’email di remainder da inviare all’utente.

 

Ma allora qual’è la vera differenza con la nostra soluzione?

Semplice. Tutti i plugin presenti nel mercato funzionano a condizione che l’utente che ha messo dei prodotti nel carrello e poi l’ha abbandonato si sia registrato.

Ma riflettiamoci insieme, quanti sono gli utenti che prima di acquistare on line si registrano?
Quasi zero! Dunque i plugin di cui sopra falliscono miseramente il loro compito e sono parzialmente efficaci solo verso i clienti abituali dello store on line. Ecco spiegato perché non recuperano più dell’1% dei carrelli abbandonati.

La nostra soluzione è molto più efficace in quanto riusciamo a recuperare fino al 10% dei carrelli abbandonati.

Ci avvaliamo di una piattaforma integrata che riunisce in un unico database i dati raccolti attraverso un algoritmo di intelligenza artificiale con le anagrafiche email degli utenti utilizzate in caso di invio massivo, nonché in grado di gestire una evoluta azione di lead nurturing automatizzata  che memorizza il comportamento degli utenti, il tutto pianificato sotto una attenta strategia di comunicazione, costruita con immagini e testi persuasivi specifici, che viene ottimizzata in base al risultato raggiunto di volta in volta.

 

Il segreto del nostro e-commerce tracking

Per comprendere a fondo il comportamento dell’utente utilizziamo specifici codici di tracciamento che operano in automatico e memorizzano i dati necessari.

Si tratta di identificativi, grazie ai quali la nostra Suite riconosce in maniera univoca le persone che hanno visitato la tua pagina, creandone un vero e proprio profilo. In questo modo siamo in grado di capire cosa fanno gli utenti in rete che visitano il tuo sito e-commerce, analizzando la sola fetta di pubblico che ci interessa e creando una strategia appositamente per lui.

I vantaggi della nostra piattaforma informatica:

  • Identifica l’utente che accede al tuo e-commerce
  • Memorizza il suo comportamento ad ogni visita, anche in assenza di login
  • Ne crea un vero e proprio identikit
  • Ci fornisce i dati necessari a creare una strategia mirata e personalizzata per trasformarlo in acquirente

Quindi che aspetti? Affidati alla nostra esperienza e recupera subito i tuoi carrelli abbandonati.

Scrivici tramite il form qui sotto e verrai presto ricontattato!

 

Pin It on Pinterest

Share This